Text Link

Merlata Bloom Milano

Il Concept
Torna indietro

The place to be.
Una ritrovata simbiosi tra architettura e natura

In Arexpo, a nord di Milano, nell’area a destinazione mista più evoluta della città sta nascendo Merlata Bloom Milano.

Merlata Bloom Milano è stato progettato per diventare emblema di un luogo di vita, un luogo di esperienza, interazione e convivialità quotidiana.

Il progetto vuole essere un omaggio all’ecosostenibilità, segue i migliori standard dell’urbanistica moderna sia nell’utilizzo dei materiali sia nella scelta delle fonti di energia.

Le grandi vetrate che filtrano la luce naturale, l’attenta selezione dei materiali e il design organico sono solo alcuni degli accorgimenti che l’architetto Jorge Beroiz, Direttore Creativo di Callison RTKL, ha ricercato per armonizzare gli edifici con la natura e il parco adiacente.
Il tutto è il risultato di uno studio computazionale dell'area e del clima, il cui obiettivo è ottimizzare l'energia generata dall'esposizione solare. Per ridurre fenomeni di stress climatico sono stati adottate una serie di misure di sostenibilità a partire dalla sua progettazione.

Jorge Beroiz, Direttore Creativo CallisonRTKL

Lo sviluppo della shape di Merlata Bloom Milano è il risultato di un approfondito studio che ha tratto ispirazione dalle proprietà e dalle caratteristiche di una pianta di cactus: la sua resistenza e capacità di termoregolazione agli agenti atmosferici e climatici come esposizione diretta al sole, umidità e ventilazione.

Per la copertura principale del mall è stata ideata e definita una particolare struttura architettonica con elevate prestazioni che permettono di sfruttare la luce naturale e farla penetrare all’interno come fonte di illuminazione principale. Nessun rischio per fenomeni di condensa nei periodi più freddi o surriscaldamento in quelli più caldi.

Il richiamo alla natura ispira il design e la scelta della tematizzazione degli ambienti e lo si riconosce nei lampioni da esterno, nell’uso diffuso del legno, nella pavimentazione e nelle sedute.

Le fioriere sono espressione della ricerca di un forte link con l’ambiente, progettate per permettere alle radici degli alberi di crescere in profondità nel terreno sottostante.

Il fiore all’occhiello dell’intera struttura è sicuramente la Serra Bioclimatica, «Winter Garden», un sistema solare passivo che migliora le condizioni di comfort senza l’ausilio di impianti, grazie a un ambiente termoregolato caldo d’inverno e fresco d’estate.

La struttura, dotata di vetrate ad alta efficienza energetica, permette di risparmiare energia e ridurre le emissioni di CO2.
Si integra completamente con l'anima green del progetto, mettendo in risalto l'equilibrio tra costruzione e natura.

Lo studio di Jorge Beroiz e la sua instancabile ricerca della simbiosi tra natura e architettura trova espressione nella proposta che vedrà nascere 20.000 mq di Urban Farm.

La vertical farm rappresenta un nuovo servizio per la città di Milano che offrirà la possibilità di accedere a un orto condiviso oltre a tangibili miglioramenti della qualità dell’ambiente dal punto di vista climatico, energetico, economico e sociale.